Archivi tag: acqua

Roma 1/2 nov incontro di Abitare nella crisi

abitarenellacrisiIntorno al falso binomio sviluppo e crescita il governo sta definendo i provvedimenti utili per rideterminare profitti e vantaggi per la rendita, senza perdere il consenso necessario per sostenere decisioni disastrose per le vite di milioni di persone, per i territori che saranno ancora una volta devastati e cementificati. Per garantire gli interessi economici di pochi, si traccia una sorta di alleanza con un ceto sociale medio-alto e si lanciano esche per conquistare altri settori sociali meno garantiti, non disdegnando di alimentare pulsioni securitarie e xenofobe.

La santificazione della precarietà come forma della vita è praticamente in corso di realizzazione. La distruzione del welfare, la cancellazione dell’edilizia popolare, la riforma del mercato del lavoro, la riduzione dei diritti a privilegi, il rafforzamento del controllo sociale e delle misure coercitive contro le diverse forme del conflitto, il restringimento degli spazi partecipativi nell’utilizzo del suolo e dei beni comuni sono tutte componenti di un presente drammaticamente negativo.

L’attenzione che il governo ha manifestato nell’uso dei linguaggi non va sottovalutata. E le misure che accompagnano i decreti che vengono convertiti in legge a colpi di fiducia parlamentare hanno l’evidente funzione di ricalibrare azioni ed assetto economico sapendo che provocherà disagi sociali seri. Per questo Matteo Renzi si rivolge sempre alla gente direttamente, senza delegare a nessun corpo intermedio la mediazione e rappresentandosi come il rottamatore di privilegi e lobby. Il ruolo del Pd si conforma dentro questa strategia e diventa partito della nazione, con echi storici inquietanti.

La nostra esperienza sociale si colloca dentro un quadro di questa natura, assumendo un ruolo di cui abbiamo spesso parlato, nella declinazione del diritto all’abitare nella crisi, che mai come oggi appare nella sua nitidezza. Il lavoro svolto nei territori in rete ha esattamente la funzione di anticorpo al virus renziano e nello stesso tempo abbozza forme di contropotere o nuova sovranità sociale come la si voglia chiamare. Non è una faccenda estetica, perché realmente il nostro agire genera conflitto, resistenze e turbativa del modello di sviluppo che ci vogliono imporre. Basta vedere i processi repressivi che stanno accumulandosi su di noi.

Dentro questa sperimentazione effervescente che ha fatto uscire la lotta per il diritto alla casa dall’angusto ambito in cui si trovava e attraverso le differenti pratiche di riappropriazione ha sollevato con forza la questione reddito contro rendita, gli strumenti di riorganizzazione economica sul lavoro e sulle infrastrutture che vanno prendendo forma raccontano meglio di ogni altro esempio la validità del conflitto che abbiamo determinato. Abbiamo chiesto autorevomente una sola grande opera: casa e reddito per tutti, le risposte si sono viste e le stiamo pagando pesantemente. Il paese solvibile va in un’altra direzione, opposta e contraria alla nostra. Non solo non siamo sulla stessa barca, ma ci stanno anche colpendo con i remi.

Nei territori e nelle periferie ci siamo e possiamo fare la differenza. Non dobbiamo farci derubare di parole come lo stop al consumo di suolo, rigenerazione urbana, uso del costruito, valorizzazione del patrimonio pubblico, diritti uguali per tutti, ma dobbiamo declinarle dentro le rotture che quotidianamente produciamo. Le generazioni che stanno sperimentando sulla propria pelle precarietà e cemento, grandi eventi e grandi opere, devastazione e saccheggio del proprio presente, stanno accumulando saperi e rabbia, indipendenza e coraggio, complicità e solidarietà a partire dalla forza rigeneratrice meticcia della lotta per il diritto all’abitare nelle occupazioni, negli spazi sociali, nella produzione culturale autonoma e libera, che afferma il diritto al reddito in forma diretta e indiretta con pratiche di riappropriazione diffuse, di autoriduzione e contrattazione sociale permanente.

Dopo la settimana di mobilitazione di ottobre e le iniziative diffuse di questi giorni, dove abbiamo sperimentato intrecci stimolanti sul piano del conflitto metropolitano, è emerso chiaramente quanto importanti sono le nostre esperienze contro il governo Renzi e i suoi provvedimenti, contro le scelte economiche dettate dalla Bce e dalla necessità di perpetuare un modello di sviluppo criminale e in crisi, alimentando anche una pericolosa retorica securitaria e razzista. Proviamo a capire insieme come proseguire incontrandoci a Roma a un anno dalla manifestazione del 19 ottobre e dalle giornate di conflitto che ne sono seguite. Giornate straordinarie come quella del 31 ottobre, quando abbiamo aperto lo scontro con il governo e il ministro Lupi sul cosidetto “Piano casa” in discussione alla conferenza stato-regioni ponendo con forza il tema dell’utilizzo delle risorse, tornando in piazza il 20 novembre in occasione del vertice italo-francese sul Tav. Questione quella dell’utilizzo delle risorse più che mai attuale, a pochi mesi da Expo 2015 e con provvedimenti come il Jobs Act, la legge di stabilità e lo Sblocca Italia, contro il quale è stata lanciata la mobilitazione a Bagnoli il prossimo 7 novembre.

Con questà consapevolezza sappiamo di dover affrontare i prossimi mesi e come al solito confidiamo nelle differenze disponibili al confronto. Approfondire le caratteristiche che il nostro lavoro territoriale deve assumere, in rete, per dare maggiore forza a ciò che già ognuno fa nelle proprie realtà può consentirci di organizzarci meglio e di difenderci con maggior forza quando siamo aggrediti. Il tema della libertà di movimento, della legittimità delle pratiche di lotta considerate illegali e colpite con misure coercitive pesanti, non può più essere disgiunto dai percorsi comuni o vissuto localmente.

Ci vediamo sabato 1 novembre alle ore 9 a viale delle Province 198 per avviare il confronto che proseguirà domenica 2 alle ore 10 al Porto Fluviale.

Sabato pomeriggio parteciperemo tutt@ alla manifestazione a sostegno della resistenza di Kobanê, che partirà alle ore 15.30 da piazza dell’Esquilino.

Movimenti per il diritto all’abitare

I movimenti occupano la Piramide verso il corteo di domani #21G

Bqj7GFMIgAAI4KyIl 21 giugno è stato indetto un corteo cittadino che partirà dalla Piramide, dai movimenti sociali di questa città.

La questura ha vietato lo svolgimento del corteo.
Questa è la ciliegina sulla torta.
Viene dopo che con l’articolo 5 del decreto Lupi si negano i diritti fondamentali a chi si trova in occupazione o senza titolo in un appartamento. Viene dopo i plateali arresti di Luca e di Paolo, ancora costretti ai domiciliari, dopo le centinaia di famiglie sgomberate a suon di manganelli dalla Montagnola e da Torre Spaccata. Alcune di queste famiglie sono da settimane accampate nella basilica si S. Maria Maggiore senza che si trovino per loro soluzioni.

Dopo i proclami di guerra lanciati dalla procura attraverso quotidiani amici.

E tutto questo avviene mentre esiste una delibera regionale che, sulla carta, prevede soluzione per le famiglie in emergenza abitativa attraverso il recupero di immobili sfitti.

Tale delibera attende solo di essere attuata attraverso i necessari passaggi da parte di Comune e Regione, dopo che pochi giorni fa è stata approvata la memoria di giunta comunale che elenca le situazioni di emergenza nella città.

Oggi abbiamo occupato la Piramide Cestia:
Esigere la liberazione immediata di Luca e Paolo e degli altri compagni incarcerati solo per aver partecipato alle lotte sociali.

Chiedere la fine dei divieti di manifestare.

Denunciare che è inaccettabile che l’emergenza abitativa venga affrontata solo in termini repressivi, con sgomberi e arresti, perdipiù quando esistono delle soluzioni, sia pur parziali, a portata di mano.

Ribadire la necessità che sia convocato al più presto un tavolo interistituzionale a cui partecipino Comune Regione, Prefettura e Movimenti che attui quanto previsto dalla delibera regionale sull’emergenza abitativa.

Movimenti per il diritto all’abitare

18-21G RIBALTIAMO IL GOVERNO RENZI !

18-21G-->#11L_webAncora una volta metodi sbrigativi e violenti vengono riservati a chi rivendica diritti. Accade con i migranti ospiti del Cara di Castelnuovo di Porto, è successo con gli sgomberati dallo stabile di via Torrespaccata 172, ancora rifugiati nella basilica di Santa Maria Maggiore. Stesso scenario a Torino, Firenze, Genova, Bologna, Salerno e Cosenza. Un’aggressione costante che si traduce anche in arresti e misure cautelari, mentre sul fronte degli sfratti e dei pignoramenti non c’è un attimo di tregua, le esecuzioni e gli accessi con l’ausilio della forza pubblica si susseguono senza soluzione di continuità.

Tutto questo avviene senza alcun segnale positivo da parte delle amministrazioni pubbliche, alle prese con le poltrone europee e locali invece che con i problemi delle persone. Diritti calpestati e sempre più tasse da pagare: Imu, Tasi e Tari, visite specialistiche, trasporti, ticket sanitari più cari del 25%, solo per fare piccoli esempi. E mentre il governo approva provvedimenti pesantissimi per la vita di milioni di precari, disoccupati e poveri, la corruzione dilaga e si manifesta proprio intorno alle grandi opere e ai grandi eventi come l’Expo e il Mose, dove fiumi di denaro pubblico si sono riversati sostenuti dalla retorica dell’uscita dalla crisi e della ripartenza economica, con più lavoro e più opportunità soprattutto per i giovani.

Invece è la precarietà il reale orizzonte che ci si presenta davanti. Precarietà di reddito e abitativa, sancita da misure come Jobs act, Youth guarantee e Piano casa, tante facce di una moneta che produce ricatti e schiavitù, oltre a consumo di suolo e regali alla rendita.

Anche lo sciopero dei lavoratori e delle lavoratrici del Comune di Roma nasce dai diktat renziani presenti nel cosiddetto “salvaRoma”, una vera e propria mannaia sui servizi pubblici e sul futuro di migliaia di dipendenti comunali.

A questo disegno ci siamo opposti e intendiamo opporci ancora. Ribaltare le misure governative e ribadire che l’unica grande opera che ci interessa passa attraverso la redistribuzione della ricchezza, la casa e il reddito per tutti, la salvaguardia dei diritti, la cancellazione dei provvedimenti coercitivi contro chi lotta nei territori, nei posti di lavoro, nelle scuole e nelle università.

Costruiamo una campagna pubblica contro i provvedimenti del governo Renzi, a partire dall’art 5 del “Piano casa”, e per la libertà di movimento, rilanciando la mobilitazione verso il vertice sulla disoccupazione giovanile a Torino.

#civediamolundici #nopianocasa

MERCOLEDI’ 18 GIUGNO ore 18 ASSEMBLEA PUBBLICA a PORTA PIA

21 GIUGNO A PARTIRE DALLE 16.30 CORTEO CITTADINO DA PIRAMIDE A MONTECITORIO